OCR Interpretation


La Gazzetta di Syracuse. (Syracuse, N.Y.) 1906-????, April 13, 1951, Image 8

Image and text provided by Syracuse University

Persistent link: http://nyshistoricnewspapers.org/lccn/sn83045207/1951-04-13/ed-1/seq-8/


Thumbnail for 8
* t t f . s r : i r à C i r s i t TA DEL S t ì m f t r i T À U A m s c o ir A s s is i tare che rubare le la fame o 1 ' il successo S ^ F r tó e c s c ò è tra 'gli a-, il pregio: e^sa resta nella icu (jinnquertnahv stalinisti e* eii*5èlk#ede quello che h a . nogralk $e^Santo al sup bel 1 e) da ^naggiòrmente attirato gli ar postò di 'a vi&gttardia prezio- «stinto eòsi'ù de* f ^ ^ fen ile tlelia 'cascina stane dei Bianchì neìPanmri^ JTiirinìlùiwkidà rignìitait’o appai tenente a iìiov^nna lustrazione dei beni, >e c* ì-a- fa* Baldi vedova Busto*, era sta-* Angusto Biéto subito aìre dei punì/to' raccolto agohhrante Karf st 0 o h a cones^ato il suo dèe ;*^|i|jfì d’ognì tempo. Se doves­ simo dedurre la potenza fu­ sa e *ig«ì%Miva. Che la Vecchia' tavola sia wanl/td ta~- mante dì costei, ilvtiicU’aiilCQ litto. acquisire agli uomini lo Gìov'itmi Bianchi d i Cesare o dei sciacalli Se t IV !clic eli è stata rin- tavolo terrificante nella ca* vqsmita in un angolodella cu- meta giaceva svelata la vec­ cia* dove Bassassinq, l’aveva chia tutta .insanguinata e so* «kUnnaìfice thè egli esercitò stata destinata all'altre è poi f i „ . . » . . . V , 'i. j , , . filile anime dal numero delle *:.vk , v - - aì '\ * * <7 sue immagini che si ammira- £ 1’’’% no in ogni angolo della ter- #?> r i , f a conclusione sarebbe Va tutta a ano favore:* nessun ajtra creatura può far con­ correnza al grande R^nnova- 4 0 ^ nel campo della popola- ■ rità, è k pulsióne di cul,do- “ T*pò più dì iette secolji fottuta ' tuttora l’oggetto, è ùnica : provato ancb< dal fatto che nella Pinacoteca Vaticana un’altra ne esiste delle mede sinte dimensioni e dèi mede­ simo stile, recante San Frati- a* • * *- * cesco nel spezzo e ai lati le storie dì qtìatxo diversi mira­ coli: ciò ette induce a ritene- re con tutta sicurezza che le due patiti forgiassero in ori­ gine un unico quadro, il qua] dio, il sucteso morale della \ * •;.< ** rivoluzione bolscevica e* tà le, da riabilitare le Idee* eia morto subito «topo* D nitro canto gli -VX- mentri la donali orsi grave** nienti ferita / to accusato era -sta* e abhaptlpnata. u n 0 ricoverata m ospedale- l i 1 * giovane ha ammesso che era- “ j. DI massimo- ora sstato .silax intenzione dare una le- incolpato il figlio della Bai- /ione alla madre c al suo a- dì. Angelo Buste» d i anni 25. mante in seguito ad alcune 'clic assieme alPaltro fiatcllo' rasi pi onunciate' daila donna i li liRUU’NO — Un drim inattico fati»» si è verificato a. pr« lei e r a il nipote- M jtrio B,roi» eli,anni 2 2 , quale s e ­ guitava e percuotere t-.elvag* piam e n te ed a g r a f f iare l a d o n n a . , ♦ li aecprsi iuiinobilhzavanx) il giovane che* veniva preso in consegna da una pattuglia di Carabinieri - All'Ospedale di* Belluno la donai? veniva i4 DI ( Giuseppe, aveva prestato primi soccorsi alla madre. Il Blandir'aveva ^ 'abbandonato la tnoglteàktm f ah ni fa per unirsi allayBaldì che godeva lùsufrutterclei terreni laseia- trage- ti dal niarèo, e appuntn MORTARA — La i&iiVtnmette altare iso dia avvenùtaun un.cascinale l a unione aveVa dato motivo A ilo con sinceri- * la ricca g, Icnografia antica H@foriamq in essa- lui che rispon te a un bisogno Vodro-èpiirito, che si à v ; jb ,<pitche modo a qu •Ite ftetenu rediosa, e tutta tra, dell’Eroe che ricalcò affatto spogliarsi- della umani#* te orme stesse Cristo/ S I dice che ritrat ” Ittf ancora vivente ste­ ntati dipinti dal Berlin- di&Mèa, dal Monaco è*d* u«j maestri» in vqumntoall 5 p«ù come licaj con imàgiqi di San Fmn distettti- nella stia c:ttà &a t*roh attufahiefi- i p ù t i d e ! Monte rm nè ¥mm gdo- fFBwwpfiwfta '•’nd k Ba $ * é à , die'poda ai irairtagine del S a n to le sto r c i di q u a ttro d a L u i compiuti. ■ Ò a k é i f f U k te l '* Ìerafico----^4«mga-*e m*- ÌS P W p * Ò .W p i d f t tot» 4e^i evmjgdi aptrtò »« ; sulle éuejpagÙBe che ~ riassumono lo regola: **Si vis ■JtaafcnteÀ * ' «stAsesÉìa. aiwIUsB^ habet et d a pms- visibile da |»lratnbi le parti l’effigic d d Santo. t a tavoktèCcònservata nel sacrario indqrajo della Basili­ ca; ma a teitàihoniar il pros­ simo avento d i un’arte nuo­ va e tutta Italiana, nel gran­ de affrésco» tejla Madonna,* sedut sul flcto Irono col divi pò Fanciuld 11 ’lh grembo fra un fastoso corteggio di an­ geli, si levai à destra — aral­ do austero tiieagnifico e pen­ soso *— l( Sarn Francesco di Ciovanni- Cimutbuc. ■ »—«*3K ' ■ • 111 - - —* \ w m m da cui aveva tratto la coni' vinzione che essa tsntatva estrometterlo, insieme a l fra­ tello. dalla casa e dalla pro­ prietà. Armatosi di/ una scure era sceso nel cortile dove si tro­ vavano a discutere i d u r a ­ lo della Basi- . in fraionè ÌCkttanca è stata a v|olent^i|i|fecuss1oni con fi- manti e dopo averli apostro- di rendere, comp)etamente chiarita. gli che ténevano rìntrouuis-; atl li aveva colpiti entrambi. Sofcssai» una frazione di Bel- ricoverata in condizioni a s ­ inino óve un nipjptè, in un ac sai gravi, aveziflole- i. sanitari cesso d i pazzia, ha tentato di riscontrato l’asportazione de str-aiigolére la nonna, il’occliio destre?! la rottw a 5d c ' - , incisivi e eritc. al callo Cionm or sono «la un fab* - ... ** . « « I t a abitato dall, 60.ehaO S,ra“ W l f B toca v-edota S f a i . ! y si levatvano disperatamente ~ ' grida d i aiuto. Accorrevano > Il Gdverno.del Soviet» deci *e tempo fu di procedere affa apertura dd.iarcófaghi degli Zar che, si travino nella crip tro e Paolo perche’ riteneva tx della chiesai Ifei ^ » n t| Bie­ che essi cbmleanessero prezio­ si gioielli* U) Ora'il fve\r York tinte* pubblici *pjli ^mcxbrx 4 ope­ razione mtercìùint» ptrti-o- liri. .#.• ** ' Ì peinifci,. feM ri furono trovati «llinisati a sèmicer* hip qei sotterrahl dello stori­ co tempio* F a prima aperto a tofttbi d i Alessandro 111 , giaceva nella/bara vestito t , # con Ìùntfofh*e? di Generale del volto rt- della Guardi!*^ étti suo pet- desenzione parti- | 0 pùmtat*\numerose One e<l ne laiclà Aumrmtìnni tenipest&fce di di- esratte, - Jttsieme ctìra l*rtX\*pàda dalla , 11 elsa pure ornata dì brillanti* ■nif f ^ r ^ i U b<kra-fu richiusa* ; MUguilft soWte tuhBiono i gioielli di Alessandro li,\ di Kicola l e diffkterina I. , l a tomba ® fAlessandro I Iti trovata^ruòd^ ciò one con ferma la lÉg|«fid[a pxjpolare di una f a i s a t e f l e ,per poter Vivere ignoti i suoi vècchi àhnis'^v ; U’ultiina Intuba aperta fu quella ■di.Fièfrodt Orantle, sacra, sepolto ni moderni e (e Giun-J «senza gioielli- E ra le mani te il|Ufe 1 nitare) nc\ a soltanto il sigillò dèlio ■ca dell’autore. vChiesa q Scorri eoii’ lk iik quaìsusi lavoro^ ’è^che d* f s s a i tòij^è|>e inippr ^ paaza, quale pe^. W hipió la ^ pdcchla. Croce^ejll^ifta per ÌJV^Sauta Maria de|l^l\ifgèli in l^pq^drauncóla; di p iù,ìa sqùisi- 'ta delicatezza delta e^chzio- r fisè, e i pregi finissimi* del’au- Aedla sqno insòliti in Giunta, ilSi^tnentre fprmano la ca|ateri* M ica della vecchia 'scuòla se; ^ *?* - •*.' ■ ■ ' . • '•* ■, - ■ .• . . . ■■ ' .* ~|% A ffetto adì VatkaM f t a deficienza i(li ù ili: àorA Stato*^ LaSciatnq» nella tomba i dite falliménti storici ; quétto di. Pie tro il Grande che crea­ tore delPautCrazia russa, non riesce a conservare inviolato neppure nel ‘sepolcro il sigil­ lo dello Stato : e quello di A lessandro I, romantico e fa nktìco restauratore del Passo* lutisiUo; tht non ha voluto assistere neiiihhcno dalla fos­ sa al trionfo della rivoluzio­ n e K. ? 'Pèrmknloft 4<>lo al trionfo ■.c-evk«*«, per const a w • m m m m » m »*{ \jt \V

xml | txt