OCR Interpretation


La Gazzetta di Syracuse. (Syracuse, N.Y.) 1906-????, December 16, 1949, Image 1

Image and text provided by Syracuse University

Persistent link: http://nyshistoricnewspapers.org/lccn/sn83045207/1949-12-16/ed-1/seq-1/


Thumbnail for 1
'M > lA GAZZETTA DI SYRACUSE I. Circuiate*!and DirtrifaM «* «*S* FWIowfcuf CSlie, ~ G enervClH e, a i t t e m w , Onaid*, Holfar, W i n w M , M « s r « . Huwribal, Nonneh, Aubtim, Dofceville, I I - R > M w m ~ : l t . c ---------- “ *»«> M i n e t t o , C l i n t ' ' ' ^ a m p é r i l l e , H o r o e l l , M i l f o r d , K e n m o re, Mattlr £ • ▼ ';y, North S y r a c u s e , Cast S y r a c u s e , •4'-J 'Vi W .' t? PUBLISWEfi ÉVER Y F R I D A Y D E D I C A T E » Z*<® THE BEST 1NTERESTS OF THE CQMMUNITIES itSSR V * » , ORGANO INDIPENDENTE S Y R A C U S E . N . Y - V E W E R JD I* 1 6 D I C E M B R E , 1 9 4 9 . No. SO AN EDITORIAL m l m m m lix Il capo <J* polizia John Kinney, e Walter JL. Fox, capo tlella divisione di sicurezza della lo ­ cai© Camera di Commercio, ammoniscono ànco­ ra una volta J pedoni di fare molta attenzio ne, specialmente di aera, quando attraversano g li angoli delle strade. angq Q«e*to necessario ammonimento % cbgrivm- to dal lattò che, iti meno di un mese, tre pedom’ perdettero la vita agli angoli delle strade. In mol.t^ca»i, non è sempre È conducente di automobile che è responsabile o colpevole d i Iuttucn incidenti del traffico. * Moltissimi pedoni non realizzano che «al­ che essi sono dovuti SCRUPOLOSAMENTE *d- la osservanza ed al rispetto delle leggi del traf­ fico. Se il conducente h t il dovere 1 di fermarl e alla luce rossa, i pedoni devono fare la medezi- ms cosa, , Per esempio, come si possono evitare le d i­ sgrazie del traffico, quando un cotiducente; ad qualàla luce verde gli permétte il libero cimmd- / o agli angoli, sì vede passare davanti un fretto ROMA *-* Alla O s m m m [Deputati il Ministro degl* [steri Sfora h a risposto ad *§^ i cune intefpellànae swl xfptaft; [si dei tragici episodi di Yla< lenza contro gli Italiani‘fijdh I territori .delle ex-colonie ***** [liane e speeialnMnite in [tre** . . * VOn- LupLs del Socialista Italiano, svolto futa batgrpcUa«t®. volta al- Presidente dd U d ì sigilo ed al M inim e è t j j L * - Àfgri Esteri .per denunzièrtf'àj I I rip e t e r s i d e i trm g iet g g k o f iF; d i vio leu a ip V i t r e a , . «1,'j:*àft®gMiÉézdfi gfc&èftaW 4 ta È É iX j a, i m p e r m e a b i l i xxumn per e s s e r e b e n 1 $ « e g i x e s t a f o t o g r a f i e * S I S a l v a i n P a r a c a d u t e dalle m-irh m iliu n cicali A p p a recchio in Fiamme ^,a\ ^ n i ~ 5 2 4 .? 981 invalidi d i iruerr.'fe - I n i|tie-i,» l u t a l e -i'iu« i * t c i s L a » i p e r ò a n c h e 5 2 lu ____________________, __________ _ S a n t a Chus è Vffl perionsggio segMsaidarto, mentre il loso pexioné If dàzi© desideroso di passar© stdxi-Inoltro popolare e benemerito eoni^iaesoaale Joseph J. to sull'altro iato della strada mette in pericolo * Pietraie** ha volute enere un vem/Sasaa*» Clauc per i ra­ ta sua vita e pone in gravò imbarazzo il condcs-lgusi dall* Prescott School che faooo aaervtzio di safety cent© dell’auto? pitrol, regalando ad eui speciali è «ucse-wr* imn 6 m».i.;i; E’ vero che le leggi del traffico raccoman- c*w““ io' f e‘ dano ai guidatori d’automobili, di avere riguar- ’prolct\ ,ott° P\ * __________ do per I pedoni, ma anche costoro sono nel do-j“ ITATIÒI1 n ifi vere di realizzare che la scambievole coopera-j *•—* lllU L s T Ci zione è la miglior cosa per evitare luttuosi indi- [ dnti, in ambo le parti. In queste simili violazioni delle leggi del traffico si può avere considerazione per i vec­ chi, per i ragazzi e per le persone colpite da d e ­ ficienze fisiche. In alcuni stati della Nazione il pedone ctae, .. viola le regole dehtraffico viene punito come itjrmnum-. mi l * Jirr $i«LC» 00.000 duram.- u conducente che passa la luce rossa e non si trovava*»! a iu.uuu i tiene a tutte le regole. Non crediamo che sia S caso di adottane simili provvedimenti anche peor i pedoni che trascurano l’osservanza delle legr-jlln,tl,noro eri del traffico, ma — ripetiamo ~ per render® il traffico più efficiente e protettivo per tutti i cittadini, è necessaria la cooperazione dei pe­ doni. Un altra deplorevole abitudine di moltissi­ mi pedoni è quella di restare fermi ed impalati a cinque o sei piedi di distanza fluori l’angolo del marciapiede — In attesa di passare all’al­ tra parte, è ciò facendo non permettono all'aia-} hHe s i - v e d e i f s ì j i f t o r F i « t r s f < * f t c f i e ' y x s M s A s «tuo p e r m e à b i l i s t f u n » r à | p z x s c k H s p r w & s t t a s c s o h i D s s i ­ n i s t r a a d e s t r a : W s f e x L * F è z , c a p o - d M k S s f i t y K d * s l o n , d e l l a C a m e r a d i C o m a n e r d o ; J o s e p h P M r i f s s a i L e s t e r M - S h a k w h a f t . i n c a r i c a t o a ! p a t r o l ; i l D ì r t U o r a d e l l a S c u o l a C - M . L o w d l e f U c h a r d B a r b a r t o c l a s s e 8 - 2 ; d a v a n t i : M a r i o n C r a y » « M a r i e D d G i u d i c a . 1 % W W r ì i / r * esiipauzop 1 - Frank i uri» < u i ii .< hm .. Un p i l o t a a m e r i c a n o da • • jcia -i è saltato in narai\';< tc s a l t a i l o i l a l l appaiTcclii • m ! jinl.i c r c d - nmt i : <li uli i hanno ricevuto cmni»r<-s--5r v amento benefizi clic irovava.i a d'altezza* li pilota p il t tiniLTtie* giorno Jo h n Ifa m .Ji- '** Congratulaùmi anno f i s e s . l e tenniuato il 30 l f ^ 4 9 . INAUGUJRAZIONE DI tista di farelcon regoa, la dovuta curvo a shii-jdificaiuli» 4a rubrica del deht stra o a destra. 10 CONDANNE PER LA^UOVE CENTRALI STRAGE DI VILLALBA ^ l ETTR l MCHE IN ITALIA tosciiza I.a h nten ( — jj XIiiiisterf> «ici she ili Lo.senza ha pianninzi j <aujr, hr» aeomi tii1- al*> la sente»*» nel. giavc p'\ ^a)|1 c | le ^ | M inistru T|»|»hri ca-ii per la stiàifcgi \ dl.il ^,;1 masi^t.* v\at<» il 4 ilieeuni’re hit- { l ' e m i * » v e c e n t r a l i e l e t t r e h e I.a C o r t e « f i d i i a i . ' v a , nu» \ j ^ 4> f - ^ ’l u f c n t o s i . Mario fiossi. Se i guidatori hanno leggi tassative da ri­ spettare, i pedoni, pur non avendo queste leggi. SONO NEL DOVERE di cooperare affinchè 3 : , traffico divenga sempre più protettivo e meglio ' organizzato per la sicurezza di tutti, I Presentiamo cou -pticere ai litt.. di stratTf L'alugen. Vi/ • C'm b e iT t r a la in servizi*, di nostri lettori la fotografia Kariim^Midieli, Sofia- fa1' ' • e n t r s l i . che -»H><lui -;in d^ Signor Mario Rossi, se- ^’ul fin circa % ??0 iiiili**iii di kwh. gretarlo .esecutivo del Stttda- Farina Angd Zini. t i r - b n i g i . . - - - - - . , , , W 1 ‘ ( I c n . n e \ n g c h > . X n d a <'»m-e|»: \ a i u t a l e i ^ r » » d i t z . * . i H ' idr<>. l e t c o e l e t t o T h o m a s C o r c o r a n . e , , , , , , , ! V ) n e l e t i c a d i a Sardegna - a r à p i ù , Mr- R o s s i , g i o r n i o r s o n o . rio del nuovo Sindaco 4 il fi* gHo di un «nMgrsto fidiamo, un giovane intelligeote, at-j tìvo e onesto db»» sohmoni* con le sue aMlità «àrdi ed intellettuali si sta cosirooa- do un maginfico awftiiro* Ogni sua gloria od oim suo progresso fa onore od «* umenta prestigio «Uà »»**• Italiana* La Gazzetta si con|nhd*ì col signor Mario RomI proSegge là' •Isi usativi a d Infissi!*1’' R I C O R D A R E L* 0 EL Gli 6 5 S A C E R D O T I C F C O S L O - P i - a g a n o n è c h e u . n i n u r ; t u i e » v a c c h i t r o v a n s i ’ c c h e c o m u n t i u e v i s o m » a n * A N C O R A I N P R I G I O N E ! c u r a 2 5 0 s a c e r d o t i c a t t . d i c i «• i *» ' R o m a — 1 ! g i o r n a l e ‘ ‘Q u o - i n p r i g i o n e , f i d i a m o \ , o r g a n o u f f i c i a l e d e : Il \ Q u o t i d i a n o ” a f t e . n i O , I N s s ( » c i a z i ( » n e C a t t o l i c a I t a - d i a v e r e s a p u t o d a f o n t e - d i ­ b a t t a . h a p u b b l i c a l o c h e T a - f e t t a c h e 6 5 s a c e r d o t i s o n n o m n i s t i a p e r i l . c l e r o c a t t o l i c o - r i n c h t i s i in t r e n d g i o t i r e c e n t e n i c n t c a n n u n z i a t a a F r a g r a . ! . T ,|, c'he ra<hl< >^ s p i a t a . ; tenne un applaudito d i s c o r s o i davanti ai membri \dal Sy ra elittn <li vitileiiza privala concorso in lesini coiitinnate e wn-ivite per I'i’mi di anni, E»portazm«ne Italiana- degli(Clìse Fedzration of Womens () < 1^1 i-onciii- Agnrunoai e delle Frutta Club di questa città ' e per il ntimvr* centi- 2 4 3 9 8 1 I N V A L I D I D I G U È R R A N E G L I O S P E D A L I M I L I T A R I R o m a ----- I.'ufficiti centra* fedi s t a t i — t rea il rivelato che jicllo s c i v r ’s o mese *11 ottobre tedili» ‘ita t i e s p o r t a ti‘dallTtal- e t u i i i d a . mm | W misero eoa MttW d u e p u p i . : . E s s e r e i l S e g r o t a ^ e s e c u - V i s t i r a » f r a i n o s t r i l e t t o - t ì v o d e l s i n d a c o d i c i t t à r i c h i v o r r à c o n t r i b u i r e a c o m e S y r a c u s e s i g n i f i c a q u - ‘ r e n d e r e m e n o tin t e la Rior a l c h e c o s a , . * n a t a , a q u e i p o v e r é t t i ? A f a r e l i t o r a l i n t U a M a ROMA L- La nicglic del disoccupato Luigi Benotti, abitante in una delle grotte della Fer rateila, presso l’or* Mettrojiia, ha.dfito alla luce due’ geinelln alla Maternità di San Giovanni, ' La famiglia si trova in condizioni Vii estrema nuli- ^enza: la maniniìn?. è Ionia- la ora nella grotta squallida ia 1 2 0 - 0 0 0 quintali di a rati- ( M a più dì tutto h un giù*, si’ chc casi .non debbano ma Washiim-tem - U Vele-, rie 22ftì.ÓW O tfi linmni,' 130»- a.ran Administration lai an- ÓOO di uvttfc ria .tavola e 52 mr ! mmziato che vi sono ancora fa di s t i f i c a t o o r g o g l i o $ s e n s o d i v i v o c o m p i a c i m e n t o . p o r l à n o s t r a r a z z a c h e i L s e g r e t a - ledip? quello che, nelle altre famiglie verrebbe chiamato lietissimo evento? «r Wastingonfc J L'.Ameri­ can Meical A à jodations ha pf^pOfta cTimr ; . y ».'*W 7\. 3r|irfe Ip' Ped^raSte .*1 i Mcdisftìà*^ approvato la porre una blìgatoria tu t t i i compò parte delTaJ finanziare Iti- detta organi cendo contro T Amministra l>er $ocÌalizfàp: v .■ al ■ . I delegati «dativo eli* Association? vato utfaHli dal coniai ,càn Legi quale ha de riam o unir, ta che l’A | do contro lizzata’ , • gruppo ' m A f poi w M dono ) U | nella^Jìi PAGARE TO DI g-M, « i.

xml | txt